WhatsApp, circola una nuova truffa: tutti i dettagli

By | 20 Marzo 2020
WhatsApp

Non è certo un errore dire che uno dei settori più fortemente influenzati negli ultimi anni – e anche decenni – dal continuo progresso globale è quello della tecnologia: sono addirittura clamorosi i passi in avanti compiuti in questo campo, che adesso si sta rinnovando (in tutti i suoi sotto-settori) con una rapidità incredibile. La novità è ormai costantemente dietro l’angolo, quel che appena pochi mesi prima era appena sbarcato sul mercato diviene già antiquato. E certamente anche le telecomunicazioni hanno beneficiato sostanzialmente di questo andamento.

Siamo oggi abituati ad avere un contatto quotidiano con una quantità incredibile di persone, a ben pensarci, e con una facilità estrema se paragonata a pochi decenni or sono: il settore ha subito una svolta fondamentale anche grazie all’introduzione di nuove applicazioni, anch’esse in costante aggiornamento. Un esempio su tutti è WhatsApp: la piattaforma di messaggistica per i nostri smartphone che ormai è la più conosciuta, diffusa ed utilizzata sulla faccia della terra.

Il nuovo messaggio-truffa su WhatsApp

Creata nel 2009, l’applicazione ha rapidamente scalato ogni tipo di classifica ed è oggi veicolo di messaggi e informazioni per la bellezza di oltre due miliardi di utenti in tutto il mondo. Tuttavia, lungo il divenire di questo percorso ci sono stati anche dei passaggi bui per questa piattaforma, come per esempio tutti quei messaggi falsi creati appositamente da cybercriminali per perpetrare le truffe online attraverso un mezzo in grado di raggiungere una quantità così elevata di dispositivi cellulari: e di conseguenza, di persone e di dati sensibili.

In tutti i casi la piattaforma, che dal 2014 fa parte del gruppo Facebook Inc., ha sempre reagito combattendo questi illeciti, ma non sempre è semplice. Essendo un’applicazione così diffusa è chiaro come il rischio di imbattersi in una possibile truffa resti comunque complesso da estirpare completamente, alla radice. E proprio sulla scia di queste attività di hackeraggio sembra essersi diffusa nell’ultimo periodo una nuova truffa virtuale, che nuovamente colpisce gli utenti mediante l’arrivo di un messaggio su WhatsApp.

Il testo del messaggio cerca di trarre il malcapitato in inganno e svelare le nostre credenziali, estorcendocele in maniera inconsapevole. L’obiettivo è chiaramente quello di arrivare ai nostri dati per poi poterli utilizzare, ovviamente, senza la nostra autorizzazione. Di seguito, il testo incriminato: “Saluti da WhatsApp! Il tuo numero di telefono non è registrato su questo dispositivo. Clicca sul link per attivare il numero di telefono”. Queste parole sono poi seguite da un link, appositamente posizionato per indurci in errore.

Come raggirare i tentativi di hackeraggio

Secondo il testo del messaggio, cliccando su questo link avremmo la possibilità di registrare definitivamente il nostro numero sul dispositivo utilizzato. Presa coscienza del fatto che si tratta di un tentativo di frode online, l’unico modo per evitare di cascare nella rete degli hacker è quello di non cliccare, assolutamente. Non potendo evitare che tali messaggi ci arrivino, è questa l’unica soluzione corretta: fiutare il pericolo ed evitarlo.

Purtroppo parecchie persone, per mancanza di esperienza o di attenzione, si lasciano ancora abbindolare da messaggi di questo tipo. Ricordiamo una volta in più che è sempre necessario tenere a mente di non cliccare nella maniera più assoluta su qualsiasi tipo di link ci venga inviato per messaggio o e-mail che non siamo certi contenga un contenuto sicuro, di cui siamo a conoscenza. Allo stesso modo, quando ci troviamo di fronte a richieste non provenienti da persone che conosciamo, non bisogna mai richiamare numeri sconosciuti né confermare codici ricevuti via messaggio. Si tratta di soluzioni molto care agli hacker online, al fine di arrivare ai nostri dati sensibili.

Fonte della notizia: kontrokultura.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *