Omega-3 e gravidanza

By | 4 luglio 2017

La ricerca scientifica è in continua espansione per quel che concerne la conoscenza delle esigenze nutrizionali in gravidanza. Tra i più recenti sviluppi in questo campo si è sottolineata l’importanza di acidi grassi omega 3 sia nello sviluppo di un bambino sano, sia nello stato di salute della madre.

Gli Omega-3 sono una famiglia di acidi grassi polinsaturi a catena lunga che sono nutrienti essenziali per la salute e lo sviluppo.Purtroppo, questi non sono sintetizzati dall’organismo umano e quindi devono essere ottenuti da dieta o supplementazione.

Tuttavia, la tipica dieta americana è fortemente carente di Omega-3 ( come spiegato sul sito degli esperti di Omega 3 3omega3.it ) . La ricerca indica che i due più favorevoli omega-3 sono EPA (acido eicosapentaenoico) e DHA (acido docosaesaenoico).Sebbene EPA e DHA sono presenti in natura insieme e lavorano in sinergia all’interno del corpo umano, studi mostrano che ogni acido grasso ha vantaggi unici.

L’EPA infatti sostiene il cuore, il sistema immunitario, e la risposta infiammatoria. Invece il DHA supporta il cervello, gli occhi e il sistema nervoso centrale, che è il motivo per cui è importante per le donne in gravidanza e in allattamento.

Un adeguato apporto di grassi Omega-3 è essenziale per mantenere la produzione equilibrata delle sostanze simili agli ormoni chiamati prostaglandine, che aiutano a regolare molte importanti funzioni fisiologiche quali l’ipertensione, la coagulazione del sangue , la trasmissione nervosa, le risposte infiammatorie e allergiche, le funzioni dei reni e del tratto gastrointestinale e la produzione di altri ormoni.

A seconda del tipo di acidi grassi nella dieta, alcuni tipi di prostaglandine possono essere prodotte in grandi quantità, mentre altri non possono essere prodotti affatto. Questo squilibrio di prostaglandine può portare a malattie.

Alte dosi di omega-3 sono state utilizzate per trattare e prevenire disturbi dell’umore, e nuovi studi stanno identificando i loro potenziali benefici per una vasta gamma di condizioni tra cui il cancro, malattie infiammatorie intestinali e altre malattie autoimmuni come il lupus e l’artrite reumatoide.

Si è osservato che gli Omega-3 siano essenziali sia per lo sviluppo visivo neurologico del bambino. Tuttavia, la dieta occidentale standard è gravemente carente di questi nutrienti .Questa carenza alimentare di omega-3 è aggravato dal fatto che le donne incinte perdono più omega-3 perché il feto lo utilizza per lo sviluppo del suo sistema nervoso.

Gli Omega-3 sono utilizzati anche dopo il parto durante la produzione del latte materno . Ad ogni successiva gravidanza, le madri perdono ulteriormente gli omega 3. La ricerca ha confermato che l’aggiunta di EPA e DHA nella dieta delle donne in gravidanza ha un effetto positivo sullo sviluppo visivo e cognitivo del bambino. Gli studi hanno anche dimostrato che un maggior consumo di omega-3 può ridurre il rischio di allergie nei neonati.

Gli acidi grassi Omega-3 hanno effetti positivi sulla gravidanza stessa. Maggiore assunzione di EPA e DHA ha dimostrato di prevenire il parto pre-termine e di conseguenza, ridurre il rischio di preeclampsia, e può aumentare il peso del bambino alla nascita. Carenza di Omega-3 aumenta anche il rischio della madre di cadere in depressione. Questo potrebbe spiegare perché i disturbi dell’umore dopo il parto possono peggiorare e iniziare prima con le gravidanze successive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *